Mattia Bosco

Materia intesa
Mattia Bosco, curated by Federica Barletta

Ex cimitero San Pietro in Vincoli
Via San Pietro in Vincoli 1, Torino
Opening 28 September 18.00

Nelle sculture di Mattia Bosco, lasciate per lo più allo stato grezzo, si percepisce immediatamente quello che è il suo pensiero: la pietra è tempo allo stato solido. La roccia custodisce segretamente la storia del mondo, essa è contenuta nelle venature, nelle sfumature e nei colori che troviamo nelle parti più interne. Bosco non fa altro che soffiare via la superficie, porta alla luce la forma della roccia.

La luce per l’artista vive nei frammenti di mica che scopre esistere nelle profondità delle pietre e che diventano poi elementi semantici propri dell’opera d’arte. Le sculture che vediamo esposte non sono dunque lotte per liberare figure dai blocchi di marmo, il suo è un agire che non si oppone al compimento perchè lascia la forma essere, assecondando la linea naturale che la roccia comanda. Attraverso l’intervento di Mattia Bosco la materia, che è necessariamente limitata, smette il proprio abito mutando sostanza, ma non senso e contenuto. Ci troviamo quindi in un territorio d’azione che si oppone all’invasività per muoversi invece lungo la linea del ricongiungimento della forma con l’idea di forma.